Team HWH22 - Sezione Notizie

---- NOTA ----
Tutte le foto e gli articoli sono copyright dei rispettivi autori e sono stati ottenuti da Internet.
Sulla presente pagina, viene riportata solo la prima parte dell'articolo,
il quale presegue poi cliccando il relativo link sotto riportato.
Con questa proposta non si intende ovviamente infrangere nessun articolo di Copyright su documenti e immagini.
Nel caso deteniate i diritti sulle immagini pubblicate, riporteremo i links di ciascuna pagina,
o cancelleremo tutte le immagini riportate.

Non ci assumiamo la responsabilità sulla veridicità dei contenuti degli articoli.



Archivio anno 2016

QUESTA SETTIMANA


ALIENI
UFOLOGIA
VAMPIRISMO
BIOENERGIE
UFOLOGIA
PARANORMALE
   Un faro in cerca degli alieni
   Superficie lunare sorvolata da uno strano oggetto triangolare
   I vampiri esistono davvero?
   Intorno a ognuno di noi c'è un campo bioenergetico misterioso
   L`UFO della "Almirante Saldanha" del 1958
   I fantasmi di Alcatraz



01 ALIENI
Un faro in cerca degli alieni


La nuova frontiera di SETI non è la radioastronomia, bensì più in generale la fotonica. Philip Lubin, di UC Santa Barbara, propone di segnalare la nostra presenza a eventuali civiltà aliene spazzando il cosmo con un segnale ottico collimato, visibile da ogni angolo della Via Lattea

Siamo sicuri al 100 percento che se mai esistesse una civiltà aliena vorremmo essere trovati? Molto probabilmente sì, visto che uno dei principali obiettivi della comunità scientifica è quella di cercare altre forme di vita nell’Universo. E giusto qualche giorno fa abbiamo ricordato l’impegno italiano nella ricerca SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence).

E allora, se vogliamo che ci trovino, c’è chi ha proposto una soluzione: attivare un segnale ottico da tenere sempre acceso e soprattutto visibile da ogni angolo della galassia. Una sorta di faro rivolto però non verso il mare ma verso l’infinito del cosmo. Potrebbe sembrare leggermente irrealizzabile, e invece i ricercatori dell’UC Santa Barbara dicono di avere la tecnologia adeguatamente avanzata per realizzare questo piano.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





02 UFOLOGIA
Superficie lunare sorvolata da uno strano oggetto triangolare


"Solo i piccoli segreti devono essere protetti. Quelli più grandi dobbiamo renderli pubblici per alimentare l'incredulità della gente." Queste sagge parole pronunciate dal blogger Marshall McLean, sintetizzano nella loro semplicità un contenuto molto più complesso e dissacratorio rivolto soprattutto a quella gente inconsapevolmente indottrinata da condizionamenti esterni.

Tornando all'oggetto del post, perché Neil Armstrong avrebbe dovuto pregiudicare la sua prestigiosa carriera solo per affermare che sulla Luna si nasconderebbe una base aliena i cui occupanti avrebbero ammonito i vari equipaggi della Missione Apollo affinché interrompessero le loro attività esplorative intimandoli inoltre di non fare più ritorno?

Milton Cooper, un ufficiale dell'intelligence navale statunitense, osò affermare che i suoi superiori erano ben informati dell'esistenza sulla Luna di una base aliena. Questa ipotetica base che a detta di alcuni astronauti si nasconderebbe proprio sul lato più oscuro della Luna sarebbe stata filmata durante una delle tante missioni facenti parte del programma Apollo.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





03 VAMPIRISMO
I vampiri esistono davvero?


Nella sezione ‘Viaggio nei misteri della Scienza’ Epoch Times esplora ricerche e testimonianze legate a fenomeni e teorie che sfidano le nostre conoscenze attuali. Scaviamo nelle idee che stimolano l'immaginazione e aprono a nuove possibilità. Sono argomenti a volte controversi: l'ultima parola rimane al lettore.

Diversi ricercatori hanno esaminato le ossa di alcuni cimiteri polacchi del 17° secolo e ritengono che alcune persone ritenute dei vampiri o zombie e sepolte in modi particolari, potrebbero essere state delle vittime di colera. Il che spiegherebbe le precauzioni extra delle persone nell'avere a che fare con quei corpi.

Lesley Gregoricka, dell'Università del Sud Alabama, ha pubblicato uno studio su PLOS One assieme a dei colleghi, descrivendo le sepolture apotropaiche (che coinvolgono riti e oggetti destinati a scacciare il male) e come si legano alle tradizioni sui vampiri nell'Europa dell'Est.

Dopo la morte di un individuo che ha causato un'epidemia in un intero villaggio, la prima preoccupazione è che non si risvegli dalla tomba per tornare a fare danni.

Le cosiddette 'Tombe dei vampiri' sono un fenomeno riscontrabile per lo più nel periodo post-medievale in Europa, tra Repubblica Ceca, Italia, Irlanda, Grecia e anche altri Paesi.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





04 BIOENERGIE
Intorno a ognuno di noi c'è un campo bioenergetico misterioso


L’universo è pieno di misteri che sfidano le nostre conoscenze. Nella sezione ‘Ai confini della realtà: Viaggio nei misteri della Scienza’ Epoch Times raccoglie storie che riguardano questi strani fenomeni per stimolare l’immaginazione e aprire possibilità ignote. Se siano vere o no, sei tu a deciderlo.

Il biochimico John Norman Hansen, ricercatore presso l’Università del Maryland, ha scoperto l’esistenza di un campo bioenergetico attorno alle persone. Per migliaia di anni, molte tradizioni spirituali hanno supposto l’esistenza di questo campo. Ora, grazie alle ricerche scientifiche possiamo confermarne l’esistenza.

Il dottor Hansen ha condotto centinaia di esperimenti adoperando dozzine di soggetti con risultati che si ripetevano regolarmente. Altri scienziati sono stati in grado di replicare gli stessi risultati. Tra questi annoveriamo Willem H. van den Berg, del dipartimento di biofisica e biochimica del Johnson Research Center presso l’Università della Pennsylvania e il fisico William van der Sluys del Gettysburg College, che ha pubblicato il suo studio sul Journal of Scientific Exploration il 15 marzo scorso.

I primi studi sui campi bioenergetici umani sono stati condotti utilizzando sensori di luminosità. Il dott. Hansen, invece, ha utilizzato un approccio diverso. Secondo la sua intuizione, se il campo bioenergetico fosse davvero esistito, sarebbe stato in grado di spingere un pendolo di torsione – uno strumento abbastanza sensibile da muoversi con una forza minima. Ha appeso il pendolo al di sopra della testa di un soggetto e ha registrato una chiara oscillazione dello stesso.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





05 UFOLOGIA
L`UFO della "Almirante Saldanha" del 1958


Era il 16 gennaio del 1958: la nave scuola dell’Istituto Idrografico della Marina Militare Brasiliana, l’Almirante Saldanha, comandata dal capitano Carlos Alberto Bacellar e con a bordo, come tecnico civile, il fotografo Almiro Barauna (specializzato in riprese subacquee), stava lasciando le acque antistanti l’isola di Trintade, nell’Atlantico, a circa 900 chilometri a est di Rio de Janeiro, dove aveva compiuto rilevazioni in occasione dell’Anno Geofisico Internazionale. Dopo mezzogiorno, alcuni civili che si torvavano sul ponte si misero a gridare indicando nel cielo un oggetto fortemente luminoso, la cui forma ricordava quella del pianeta Saturno, che si dirigeva verso l’isola. - See more at: http://www.glialienitranoi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=70%3Al-ufo-della-almirante-saldanha-del-1958&catid=2%3Ablog&Itemid=508#sthash.b2GZL9dh.dpuf

L’UFO, che avanzava con movimento oscillante, scomparve per breve tempo dietro il Monte Deseado, quindi riapparve per poi volare via definitivamente. Durante l’avvistamento, durato circa 20 secondi, Barauna riuscì a scattare con la sua Rolleiflex sei foto, di cui però la quarta e la quinta non ripresero interamente l’oggetto. Dei 48 membri dell’equipaggio che sostavano sul ponte, molti osservarono l’UFO e, intervistati dai giornalisti, testimoniarono l’accaduto. Invece il capitano Bacellar, in coperta durante l’avvistamento, si era recato immediatamente sul ponte, ma era giunto troppo tardi per poterlo vedere. A questo punto, ma lo si seppe in un secondo tempo, il capitano insistette perchè le immagini di Barauna venissero sviluppate immediatamente. - See more at: http://www.glialienitranoi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=70%3Al-ufo-della-almirante-saldanha-del-1958&catid=2%3Ablog&Itemid=508#sthash.b2GZL9dh.dpuf   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





06 PARANORMALE
I fantasmi di Alcatraz


lcatraz è un’isola della California (Stati Uniti) ed è molto famosa per la grande sicurezza di un suo ex-carcere. L’isola è stata rinominata The Rock (roccia) perchè gran parte di essa è formata da roccia, ma è anche stata soprannominata The Bastion (fortezza) perchè era quasi impossibile fuggire dal suo carcere.

La storia del carcere è molto varia. Nel 1850 era usato solo per scopi militari, nel 1933 divenne una prigione militare e solo nel 1934 divenne una delle massime prigioni per usi “civili”. Dopo circa 30 anni, nel 1963 questo carcere fu chiuso a causa dei suoi elevati costi (tanto da spingere i politici ad affermare che sarebbe stato meno costoso mantenere ogni singolo detenuto in uno degli hotel più lussuosi di New York).

Come ogni carcere che si rispetti anche questo ha una storia alle sue spalle. Molti furono i tentativi di fuga, tra cui quelli di Frank Morris, John Anglin e Clarence Anglin.

Ma cosa ha di misterioso questo carcere?
Bene in un corridoio di questo carcere Coy, Cretzer e Hubband furono uccisi con armi da fuoco dopo che tentarono la fuga. A partire dal 1976 suoni ed urla sono stati sentiti in quel corridoio da delle guardie che custodivano la struttura. Una cella delle più infestate è la 14D. Sia visitatori che impiegati affermano di sentir molto freddo in quella cella, ma ciò che caratterizza la storia di questa cella è avvenuto negli anni 40, quando un prigioniero gridò tutta la notte dicendo che una creatura dagli occhi ardenti voleva ucciderlo ma nonostante tutto nessuno gli diede retta. Solo il giorno dopo l’uomo fu trovato strangolato.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE

PrimeBox CookieBar Example: acceptOnScroll