Team HWH22 - Sezione Notizie

---- NOTA ----
Tutte le foto e gli articoli sono copyright dei rispettivi autori e sono stati ottenuti da Internet.
Sulla presente pagina, viene riportata solo la prima parte dell'articolo,
il quale presegue poi cliccando il relativo link sotto riportato.
Con questa proposta non si intende ovviamente infrangere nessun articolo di Copyright su documenti e immagini.
Nel caso deteniate i diritti sulle immagini pubblicate, riporteremo i links di ciascuna pagina,
o cancelleremo tutte le immagini riportate.

Non ci assumiamo la responsabilità sulla veridicità dei contenuti degli articoli.



Archivio anno 2016

QUESTA SETTIMANA


ESOTERISMO
UFOLOGIA
ASTRONOMIA
ARCHEOLOGIA
LEGGENDE
ANTIGRAVITA'
   Uno Strano Accostamento Angeli ed Extraterrestri
   Luci rosse nel cielo notturno. Ufo a Sant’Alessandro?
   Perché lo spazio è nero?
   Il santuario di Monte d’Accoddi, spigolature su un singolare toponimo della Sardegna
   Miti e leggende della Torre del Diavolo
   Coral Castle e la macchina per l'antigravità



01 ESOTERISMO
Uno Strano Accostamento Angeli ed Extraterrestri


Arcangeli e demoni alieni, Angelo è per definizione cristiana un essere spirituale che ubbidisce a Dio (quelli che si sono ribellati si chiamano demoni) Quindi gli alieni non sono angeli in senso stretto, ma possono essere stati scambiati per angeli. Inoltre tutto diventa una cosa sola se si considera i ben documentati casi di alieni parafisici costituiti da energia pura.

Gli angeli sono i messaggeri dell’onnipotente. Il compito degli Angeli spirituali è proteggerci dai mali fisici e spirituali.



Gli Angeli spirituali sono puro spirito, non hanno corpo, se si presentano sotto forma fittizia, essi assumono aspetti che variano a seconda della situazione e a seconda del messaggio che vogliono darci. Tuttavia la Bibbia parla ripetutamente di angeli fatti di carne ed ossa, mentre solo nel caso dei Serafini si può parlare di angeli spirituali; infatti “Serafini” significa gli ardenti, i brucianti, vale a dire esseri costituiti da energia pura (come i ben documentati alieni parafisici).

Nei vangeli apocrifi si legge che Dio creò il suo regno (tutti gli universi esistenti), poi egli creò dei, angeli, arcangeli e poi l’uomo. Poiché per “dei” si intendono gli esseri extraterrestri, è chiaro che essi risultino distinti dagli angeli veri e propri, anche se alcuni alieni hanno comportamenti uguali agli angeli e quindi vengono scambiati per loro. I compiti dei servitori celesti (angeli) di Dio sono: glorificazione e contemplazione di Dio, possedere il sapere supremo, compiono miracoli ed accordano grazie, combattono gli spiriti infernali, ispirano le menti dei potenti, sono messaggeri celesti presso gli uomini, sono custodi degli uomini e insegnano alle cose inanimate, portano la vita, portano la morte, rivestono gli uomini dell’abito della vita, misurano i meriti degli uomini, svelano i segreti, custodiscono i palazzi del settimo cielo, eseguono le volontà divine, lottano contro Satana, governano l’ambiente in generale.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





02 UFOLOGIA
Luci rosse nel cielo notturno. Ufo a Sant’Alessandro?


Sulle nostre teste, a velocità variabili, volteggiano a diversa altezza oggetti identificati… e non… satelliti, aerei, elicotteri, droni… sono tanti gli elementi che riempiono gli spicchi di cielo che sovrastano l’isola, alcuni ben riconoscibili ed altri le cui fattezze e movenze sono un po’ inconsuente.

Oggetti non identificati, appunto, che sfrecciano seguendo traiettorie a prima vista un po’ strane, diremmo inusuali e catturano l’attenzione di chi ha la “fortuna” di scorgerli nell’istante in cui passano.
Gli avvistamenti di oggetti volanti nei nostri cieli non sono di certo una novità e Ischia, come abbiamo avuto modo di riportare più volte, è un’isola di indubbio interesse per gli appassionati di misteri e attività “extra-terrestri”.

Ed ultima, solo in ordine cronologico, arriva la segnalazione di una testimone oculare di un episodio, raccolta dal sito gestito da Salvatore Marino Iacono, noto per i suoi studi e i suoi testi pubblicati riguardo Ischia e il suo lato “misterico”.

La segnalazione giunge dalla zona di Sant’Alessandro e l’avvistamento è avvenuto il 22 aprile 2016.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





03 ASTRONOMIA
Perché lo spazio è nero?


Perché lo spazio è nero ? Sembra semplice, ma in realtà la risposta è molto complessa. Seguitemi con attenzione e lo spiegherò nel modo più semplice possibile. Innanzitutto chiediamoci “perché il cielo qui sulla Terra è azzurro durante il giorno ?”. Il cielo è azzurro perché la luce proveniente dal Sole colpisce le molecole dell’ atmosfera terrestre e viene diffusa in tutte le direzioni.

Il colore blu del cielo è un risultato del processo di diffusione. Al contrario di notte la Terra si trova in direzione opposta al Sole e dunque lo spazio è nero perché non ci sono sorgenti luminose vicine come il Sole appunto. Se fossimo sulla Luna, che non ha atmosfera, il cielo sarebbe nero sia di giorno che di notte. Lo si può vedere nelle fotografie riprese durante le missioni Apollo.

Arriviamo alla domanda difficile: Se l’Universo è pieno di stelle e galassie, perché la luce proveniente da esse non si somma, rendendo il cielo sempre luminoso ? Se l’Universo fosse infinitamente grande e fosse sempre esistito, ci aspetteremmo che il cielo notturno fosse chiaro, perché sarebbe illuminato dalla luce di tutte queste stelle. Infatti se guardassimo in ogni direzione nello spazio,troveremmo una stella.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





04 ARCHEOLOGIA
Il santuario di Monte d’Accoddi, spigolature su un singolare toponimo della Sardegna


di Roberto Casti

Origine e significato del nome
Il santuario preistorico di Monte d’Accoddi, uno tra i più straordinari monumenti preistorici della Sardegna, è stato oggetto fin dai primi anni ’50 di diverse campagne di scavo che pur parzialmente ne hanno chiarito la funzionalità e la cronologia delle diverse fasi costruttive.

Se però molti dei tanti segreti che si celavano dietro questo singolare monumento sono stati svelati, resta ancora avvolta nel più fitto mistero l’etimologia della denominazione Monte d’Accoddi.

Esaminiamo innanzitutto cosa scriveva Ercole Contu sull’origine e sul significato del nome (Nota 1).

“Come l’origine della collinetta, persino il nome, “Monte d’Accoddi”, risultava piuttosto misterioso. E di esso si avevano anche altre versioni, come Monti d’Agodi (nel recente catasto) o Monti d’Agoddi o Monte d’Acode o Monte La Corra (sulle carte dell’I.G.M.). Intanto nessuno si meravigliava della denominazione di “monte”, che in Sardegna, che di monti veri ne ha pochi, viene data anche alle colline (anzi in Gallura sta a significare persino solo “una pietra”).

Più problematica appariva la seconda parte del nome, che venne fatta derivare da un’erba (kòdoro, cioè terebinto) o da “luogo di raccolta”(accoddi) o da corno (la corra) o, addirittura, dall’espressione che in sardo si usa per dire “facciamo l’amore?”! Solo di recente il Prof. Virgilio Tetti ha potuto accertare che il nome più antico documentato nelle carte catastali è “Monte de Code”, che significava” “Monte-collina delle pietre” (coda/e = pietra/e). Il riferimento alla pietra si ritrova anche nella traduzione spagnola, risalente al ‘600, del condaghe medievale di San Michele di Salvennor, con la quale la collina viene chiamata “Monton de la Piedra”.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





05 LEGGENDE
Miti e leggende della Torre del Diavolo


Nell’angolo nordorientale del Wyoming, Stati Uniti, c’è una montagna impressionante di rocce ignee che sembra un gigantesco tronco d’albero pietrificato.

Si tratta della Torre del Diavolo, un’insolita formazione geologica che si innalza per 1588 metri sul livello del mare.

Ciò che rende la Torre del Diavolo così insolita è la sua superficie praticamente piatta e i singolari solchi verticali al suo fianco, così regolari che i nativi ci vedevano i graffi provocati dalle zampe di un orso.
Il suo aspetto inconsueto ha dato vita a numerose leggende e nel 1977 è stata utilizzata come location per la scena finale del film Incontri ravvicinati del terzo tipo di Steven Spielberg.

Una leggenda lakota racconta che mentre sette bambine giocavano vicino al loro villaggio, alcuni orsi si avvicinarono per divorarle. Le ragazze saltarono su una roccia bassa e gridarono ad essa: “Roccia, abbi pietà di noi, salvaci!”.
Il Grande Spirito le udì e fece innalzare la roccia verso il cielo. Gli orsi le inseguirono cercando di arrampicarsi sulla roccia, lasciando con gli artigli le lunghe incisioni visibili ancora oggi. Tuttavia, gli animali non riuscirono a raggiungerle. La roccia divenne così alta che le ragazze divennero stelle, formando la costellazione che oggi chiamiamo delle Pleiadi (Le sette sorelle).

Certamente, è una leggenda suggestiva. Ma cosa dice la scienza circa la creazione di questa strana formazione geologica?   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





06 ANTIGRAVITA'
Coral Castle e la macchina per l'antigravità


A poco meno di 50 km da Miami, proseguendo verso sud per l’Autostrada 1 in Florida, si può giungere a Homestead, una piccola cittadina nel cuore dello stato. In questo paese si trova uno dei più bizzarri ed incredibili edifici costruiti dall’uomo: il Coral Castle.

Di primo acchito la struttura in sé non rivela nulla di incredibile; alcuni in essa vedono importanti reperti storici provenienti da ere ormai dimenticate e costruiti da antiche popolazioni per antichi culti, altri invece vedono una specie di bizzarra costruzione postmoderna "sfogo" di qualche eccentrico architetto.

Entrambe le considerazioni invece risultano errate.
La struttura ha visto la luce nei primi anni del novecento e l’artefice dell’edificio è un unico minuto grande genio; il suo nome è Edward Leedskalnin. Egli, con la sola forza delle sue braccia e con l’ausilio di pochi rudimentali attrezzi come carrucole, corde, martelli e scalpelli ha estratto e scolpito più di 1.100 tonnellate di roccia corallina.

Ancora nessuno tra scienziati ed ingegneri che hanno studiato e tuttora studiano il Coral Castle è riuscito a dare una spiegazione fisica sul metodo di costruzione usato da Leedskalnin. Edward Leedskalnin.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE

PrimeBox CookieBar Example: acceptOnScroll