Team HWH22 - Sezione Notizie

---- NOTA ----
Tutte le foto e gli articoli sono copyright dei rispettivi autori e sono stati ottenuti da Internet.
Sulla presente pagina, viene riportata solo la prima parte dell'articolo,
il quale presegue poi cliccando il relativo link sotto riportato.
Con questa proposta non si intende ovviamente infrangere nessun articolo di Copyright su documenti e immagini.
Nel caso deteniate i diritti sulle immagini pubblicate, riporteremo i links di ciascuna pagina,
o cancelleremo tutte le immagini riportate.

Non ci assumiamo la responsabilità sulla veridicità dei contenuti degli articoli.



Archivio anno 2016

QUESTA SETTIMANA


VAMPIRISMO
MISTERI
ARCHEOMISTERI
MISTERI
ETNOLOGIA
ASTROFISICA
   Julia Caples, la donna-vampiro che beve sangue umano
   Il "Centro Dell'Universo": Fenomeno Acustico Che Nessuno Sa Spiegare
   I Triliton di Gornaya Shoria, Russia-Siberia
   Dog Boy: la vera storia del ragazzo-cane
   E' un angolo di paradiso ma anche l'isola più pericolosa al mondo
   Nuovi passi verso la costruzione di E-ELT



01 VAMPIRISMO
Julia Caples, la donna-vampiro che beve sangue umano


Negli ultimi 30 anni, Julia Caples (Pennsylvania, USA) beve regolarmente due litri di sangue umano al mese. I suoi donatori sono appassionati di vampiri che le permettono di succhiare il sangue dal loro corpo.

La sua passione per il sangue è cominciata quando aveva solamente 15 anni; mentre dava il suo primo bacio ha sentito l’urgenza di mordere il suo ragazzo. “È stato un istinto naturale e mi è piaciuto il sapore. Ho quest’urgenza e non riesco davvero a spiegarla. Non se n’è mai andata”, ha dichiarato la donna.

Quell’esperienza – dopo la quale il ragazzo non l’ha più voluta baciare – l’ha fatta interessare al sangue umano, anche se è stato quando ha conosciuto il suo ormai ex marito Donald che è letteralmente impazzita per questa sua ossessione, cominciando a bere vero sangue.

Con lui ha condiviso la passione per i vampiri e lo stile di vita goth, tanto da sposarsi in un cimitero consacrando il loro amore scambiandosi il sangue.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





02 MISTERI
Il "Centro Dell'Universo": Ecco Il Luogo In Cui Avviene Un Fenomeno Acustico Che Nessuno Sa Spiegare


È stato definito come la "camera dei sussurri", il "vortice acustico" e con decine di altre espressioni ma nessuno sa spiegare cosa avvenga esattamente in questo esatto punto della città di Tulsa (Oklahoma). Nella zona artistica della città, infatti, lungo il viale dove si tiene il fiorente festival musicale, si trova un luogo in cui si verifica un curioso fenomeno acustico che attira numerosi visitatori...

Il cosiddetto "Centro dell'universo" è un cerchio di cemento (piuttosto logoro) circondato da sanpietrini che è stato costruito negli anni Ottanta.

In questo punto quando qualcuno produce un suono (in qualsiasi direzione), questo risuonerà diverse volte con un'eco più potente del suono stesso.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





03 ARCHEOMISTERI
I Triliton di Gornaya Shoria, Russia-Siberia


L'inspiegabile ritrovamento

Più grandi dei megaliti di Baalbek: Megaliti enormi trovati in Russia sfidano ogni spiegazione

I ricercatori affermano che questi megaliti sono molto più grandi (fino a 2 a 3 volte maggiori) rispetto più grandi megaliti conosciuti al mondo. Studi preliminari suggeriscono che a Gornaya Shoria (Siberia-Russia) ci sono blocchi di pietra che pesano circa tre o quattro mila tonnellate.

I Megaliti di Baalbek sono considerati dagli studiosi mainstream come alcune delle più impressionanti sul pianeta Terra. Tuttavia, vi sono numerosi altri siti che, proprio come Baalbek, sono al di là dell'affascinante e sfidano completamente la nostra comprensione sulle antiche civiltà e le loro capacità edificare tali strutture megalitiche in un lontano passato.

I megaliti di Baalbek sono impressionanti, è la prova finale di sofisticate antiche culture che hanno padroneggiato l'ingegneria e l'architettura, ma rimane un profondo mistero agli occhi degli studiosi tradizionali. L'archeologia Mainstream ha diversi punti di vista quando si tratta di definire l'esatta età del sito. Secondo gli archeologi convenzionali, era un santuario fenicio dedicato al dio Ba.al, era una città greca chiamata Heliopolis (Città del Sole) e sin dai tempi di Augusto, è stata una colonia romana.
La verità è che l'età esatta rimane un mistero, ma alcuni ricercatori considerano questo antico sito megalitico vecchio almeno di 12.000 anni, ma potrebbe essere ancora più antico di 20.000 anni.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





04 MISTERI
Dog Boy: la vera storia del ragazzo-cane


Gerald Floyd Bettis era un pazzo scatenato che, a quanto si racconta, effettuava terribili esperimenti su cani e gatti, addirittura ampliò la sua abitazione costruendosi una struttura non comunicante con quella abitativa per svolgere in tutta tranquillità le sue torture e i suoi esperimenti.

I vicini più volte segnalarono alle autorità di udire gemiti di animali provenire dalla casa di Gerald, inoltre in più occasioni, anche dopo la sua morte, segnalarono diversi avvistamenti di animali deformi nei pressi della sua abitazione ma la faccenda non fu mai presa seriamente in considerazione.

Tempo fa si pensava che questa fosse solo una leggenda metropolitana, ma da alcune ricerche effettuate negli archivi dei giornali locali di Quitman in Arkansas, venne fuori che Dog Boy (il ragazzo cane) sia esistito per davvero.

Infatti secondo uno storico locale, i coniugi Floyd ed Aline Bettis nel 1950 si trasferirono in una grande casa a Quitman, per molti anni provarono invano ad avere un figlio, sino a quando finalmente nel 1954 Aline diede alla luce un bambino a cui diedero il nome di Gerald Floyd.

I suoi genitori erano bravissime persone ma Gerald sin da bambino mostrò un carattere difficile, dando sfogo ad una ferocia e crudeltà ingiustificate, accompagnate a gusti insoliti e discutibili come quello di catturare cani e gatti al fine di torturarli, cosa questa che gli fruttò il soprannome di “ Dog Boy ”.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





05 ETNOLOGIA
E' un angolo di paradiso ma anche l'isola più pericolosa al mondo


Di Laura Tirloni

Esiste un'isola chiamata North Sentinel, situata nel Golfo del Bengala, ricoperta da una vegetazione affascinante ed incredibili spiagge dalle acque trasparenti. Ma un segreto oscuro sembra nascondersi dietro questo paradiso terrestre.

Infatti North Sentinel è considerata l'isola più pericolosa al mondo.
Qui, infatti, vive una tribù di indigeni, i sentinelesi, stimati tra i 50 e i 400 individui, che rifiuta da sempre qualsiasi contatto con il mondo esterno e accoglie quelli che cercano di avvicinarsi alle coste con una pioggia di frecce e lance.

Il governo locale, da parte sua, ha dichiarato di non avere alcuna intenzione di interferire con la vita e le abitudini della popolazione che da sempre vive in completo isolamento dal mondo, dedicandosi alla raccolta di frutti, alla caccia e alla pesca.

Per questi motivi e soprattutto per il fatto di non aver sviluppato difese immunitarie verso malattie comuni il cui contatto potrebbe sterminarli, il movimento 'Survival international' li ha definiti la popolazione “più vulnerabile del pianeta”....   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





06 ASTROFISICA
Nuovi passi verso la costruzione di E-ELT


Firmati presso la sede dell'ESO quattro contratti per alcune delle componenti principali dell'E-ELT (European Extremely Large Telescope) in costruzione, in particolare per la fusione di due giganteschi specchi del telescopio, per la fornitura delle celle per il supporto degli specchi e per la fornitura dei sensori di prossimità, che formano parte vitale del sistema di controllo dell'enorme specchio primario segmentato di ELT

La costruzione dell’ELT da 39 metri, il più grande telescopio del mondo che opera nell’ottico e vicino-infrarosso, sta progredendo. Il gigantesco telescopio si avvale di un sistema ottico complesso da cinque specchi che non è mai stato impiegato prima e richiede elementi ottici e meccanici che spingono al limite la tecnologia moderna.

I contratti per la produzione di alcune di queste impegnative componenti del telescopio sono stati appena firmati dal Direttore Generale dell’ESO, Tim de Zeeuw, e dai rappresentanti delle tre imprese industriali provenienti dagli Stati Membri dell’ESO.

All’apertura della cerimonia, Tim de Zeeuw ha esordito: “È un grande piacere per me firmare oggi questi quattro contratti, ciascuno per un componente avanzato al cuore del sistema ottico rivoluzionario di ELT, che sottolineano come la costruzione di questo gigantesco telescopio stia procedendo speditamente – in tempo utile per la prima luce nel 2024. All’ESO non vediamo l’ora di lavorare con SCHOTT, SENER e FAMES — i tre principali partner industriali dei nostri Stati Membri.”   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE

PrimeBox CookieBar Example: acceptOnScroll