Team HWH22 - Sezione Notizie

---- NOTA ----
Tutte le foto e gli articoli sono copyright dei rispettivi autori e sono stati ottenuti da Internet.
Sulla presente pagina, viene riportata solo la prima parte dell'articolo, il quale presegue poi cliccando il relativo link sotto riportato.
Con questa proposta non si intende ovviamente infrangere nessun articolo di Copyright su documenti e immagini.
Nel caso deteniate i diritti sulle immagini pubblicate, riporteremo i links di ciascuna pagina, o cancelleremo tutte le immagini riportate.

Non ci assumiamo la veridicità o meno dei contenuti degli articoli.



SCELTI PER VOI

ARCHEOMISTERI
ASTROFISICA
UFOLOGIA
UFOLOGIA
UFOLOGIA
ARCHEOLOGIA
   Texas: il mistero dell’immensa struttura sotterranea di Rockwall
   Universi paralleli, “ecco la prova della loro esistenza e interazione”
   Gli esseri umani ? Un esperimento punitivo degli extraterrestri
   Die Glocke: l’UFO segreto dei nazisti
   La caduta di un Ufo nella Germania Nazista nel 1937
   Nuovi manufatti sotto il tempio di Teotihuacan



01 ARCHEOMISTERI
Texas: il mistero dell’immensa struttura sotterranea di Rockwall. Tracce di una perduta civiltà di giganti?


Potrebbe diventare la prima prova concreta dell'esistenza di una civiltà antica altamente avanzata. L'immensa struttura sepolta scoperta a Rockwall, una cittadina del Texas si estende su un diametro di quasi 20 chilometri quadrati, affonda nel terreno per circa sette piani e potrebbe risalire a circa 20 mila anni fa. Chi ha potuto costruire un edificio tanto complesso e tanto antico?

Nel 1850, uno strano muro di pietra fu rinvenuto in una località poco distante da Dallas, nel Texas. La struttura diede il nome a quella che oggi è la cittadina di Rockwall (muro di pietra).

La gente del luogo è convinta che si tratti dei resti di una favolosa, quanto perduta civiltà antica. Alcuni geologi credono che si tratti di una bizzarra struttura naturale, dove ‘bizzarra’ è un aggettivo utilizzato quando si è a corto di una teoria valida o di un meccanismo noto per la sua creazione.

Effettivamente, l’immensa parete in roccia presenta delle caratteristiche che fanno supporre che si tratti di un’opera di origine artificiale, realizzata più di 20 mila anni fa. Essa si sviluppa in una struttura rettangolare con i lati minori pari a circa 3,5 chilometri di lunghezza, e i lati maggiori lunghi circa 5,6 chilometri.

Tra i primi coloni arrivati nella zona per stabilire una comunità agricola c’erano tre nuove famiglia appena arrivate: i Wade, i Boydston e gli Stevenson. Nel 1852, la famiglia Wade cominciò a costruire la sua casa ad est della valle del Trinity River. Durante lo scavo del pozzo della fattoria, il signor Wade scoprì una parete di roccia che si estendeva per molti metri sotto la superficie del terreno.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





02 ASTROFISICA
Universi paralleli, “ecco la prova della loro esistenza e interazione”


Può sembrare la sceneggiatura di un film, eppure i fisici teorici studiano questi scenari da almeno 50 anni, ed esistono complicati ed eleganti calcoli matematici in grado di descriverli. L’ultima formulazione è stata pubblicata su “Physical Review X” da un team di studiosi australiani e statunitensi.

Secondo lo strano mondo della meccanica quantistica, abitato da atomi e particelle, esiste un universo in cui questo articolo non è mai stato scritto. E, a un tempo, un altro mondo in cui è possibile leggerlo e commentarlo. Bizzarrie della realtà a livello dei suoi costituenti più intimi, governata da fenomeni che spesso fanno a pugni con il senso comune. E che hanno fatto storcere il naso persino ad Albert Einstein.

Come la teoria del multiverso, in base alla quale esisterebbe una pluralità di universi paralleli, al punto che ogni decisione che ciascuno di noi prende in questo mondo ne creerebbe di nuovi. Secondo questa interpretazione, ci sarebbe, ad esempio, un mondo in cui il Terzo Reich è uscito vincitore dalla II guerra mondiale, e un altro in cui Hitler è uno sconosciuto pittore.

Può sembrare la sceneggiatura di un film, eppure i fisici teorici studiano questi scenari da almeno 50 anni, ed esistono complicati ed eleganti calcoli matematici in grado di descriverli. Secondo l’ultima formulazione, appena pubblicata su “Physical Review X”da un team dell’University of California a Davis, e della Griffith University australiana, non solo gli universi paralleli esisterebbero davvero, ma potrebbero persino interagire ...   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





03 UFOLOGIA
Gli esseri umani ? Un esperimento punitivo degli extraterrestri


E se gli esseri umani non venissero dalla Terra? Se lo è chiesto Ellis Silver, noto ecologista americano, che nel libro intitolato “Humans are not from Earth: A scientific evaluation of evidence” s’interroga appunto sulla natura degli uomini, sostenendo che provengono da un altro pianeta e che decine di migliaia di anni fa sarebbero stati messi «per punizione sulla Terra», diventata per loro un «pianeta-prigione». Spiega il Daily Mail che per avvalorare la sua tesi, Silver offre diverse argomentazioni, chiedendosi per esempio come mai gli uomini non siano del tutto sani, ma «malati cronici». Che gli abitanti del nostro pianeta non siano indigeni del posto, ma provengano da altri mondi è un'idea antica. Esiste anche una teoria di molti decenni fa che ci assimila ad un esperimento in cattività. Ipotesi credibili ?

«L'umanità è presumibilmente la specie più evoluta del pianeta, eppure è sorprendentemente inadatta e mal equipaggiata per l'ambiente della Terra: è danneggiata dal sole, ha una forte avversione per gli alimenti naturali, presenta alti tassi di malattia cronica, e tanto altro», ha spiegato Silver, provando a collegare alcuni “disturbi” degli esseri umani con la loro «vera origine».

Il mal di schiena e la sensibilità alla luce, con il rischio di essere bruciati dal Sole, potrebbero per esempio derivare dal fatto di essersi evoluti in un pianeta dalla gravità più bassa e con meno luce. Ma Ellis, le cui dichiarazioni hanno suscitato non poche perplessità tra gli studiosi, ha azzardato anche la possibile origine degli esseri umani: Alpha Centauri, il sistema stellare più vicino a quello solare.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





04 UFOLOGIA
Die Glocke: l’UFO segreto dei nazisti


Tra i tanti progetti segretissimi risalenti all’epoca nazista, questa del “Die Glocke” o “campana” risulta il più interessante, il più affascinante, in quanto il più enigmatico, il più all’avanguardia e, proprio per questo, il meno comprensibile. L’argomento si andrebbe a posizionare nell’ambito delle famose wunderwaffen di cui ho parlato in recenti articoli e grazie alla declassificazione di alcuni dossier, fino ad ora riservatissimi, negli archivi segreti dell’ ex Unione Sovietica. Dossier che trattano di un “qualcosa”, noto con il nome di “campana”, in tedesco “Die Glocke” o “Die Lanternentraeger”, in inglese “The SS-Bell”.

“La Campana” è il nome dato a una serie di presunti esperimenti scientifici segreti portati avanti dai nazisti per lo sviluppo di un’arma a tecnologia, legata all’antigravità o all’energia nucleare. Alcuni eminenti scienziati del Terzo Reich avrebbero lavorato per conto delle SS nei laboratori del complesso Riese (il gigante), nelle miniere Wenceslaus, vicino a Kluzica.

Essenzialmente si tratterebbe di un velivolo segreto tecnologicamente molto avanzato, con diametro di 3,10m e un’ altezza di 4,95m, composto da due cilindri contro-rotanti, con all’interno uno strano liquido “metallico” avente un color porpora e denominato ”Xerum 525”, il quale ruotava all’interno della “campana” ad alta velocità. Lo Xerum 525 era radioattivo e per questo era contenuto in recipienti in piombo aventi 3 cm di spessore perché molto tossico. Era, con molta probabilità, un miscuglio di metalli liquidi, come il berillio, il torio e il mercurio, che formavano un liquido denominato “mercurio rosso”. L’ossido di mercurio e l’antimonio avevano la caratteristica di emettere una grande quantità di neutroni, se sottoposti ad uno stress esplosivo. Il funzionamento abbisognava di una grande quantità di energia elettrica.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





05 UFOLOGIA
La caduta di un Ufo nella Germania Nazista nel 1937


Dieci anni prima che una nave aliena precipitasse nella proprietà del rancher Mack Brazel, vicino a Roswell, New Mexico, un disco volante ha perso il controllo ed è caduto nella campagna della Germania nazista. Questa incredibile storia, coperta dagli Stati Uniti e dall’URSS da oltre settanta anni, si suppone sia la vera motivazione per l’intensa ricerca effettuata dai nazisti sugli aerei senza ali e a forma di disco; l’ossessione di Hitler e Himmler per gli UFO e la tecnologia aliena ha portato a straordinari esperimenti effettuati dalle SS conclusi con la costruzione di veri e propri dischi volanti e della famosa “Campana”: un bizzarro motore multidimensionale che neutralizzerebbe la forza di gravità, provocando una spaccatura nel continuum spazio-temporale stesso e creando sorprendenti effetti.

Nel 1937 la Germania nazista stava sorgendo dalle ceneri della vecchia Repubblica tedesca, fino a diventare la prima superpotenza nel mondo, quando accadde qualcosa d’inaspettato: la caduta di una navicella aliena in pieno territorio tedesco. Immediatamente l’esercito tedesco recuperò i rottami. Non vi è, tuttavia, alcuna notizia che indichi se siano stati recuperati anche dei corpi.

Quando la notizia dell’”Ufo crash” raggiunse l’alto comando tedesco e il rapporto fu consegnato sulla scrivania del Führer, fu ordinato immediatamente che i migliori scienziati della Luftwaffe e i migliori esperti aeronautici della Germania analizzassero i rottami recuperati. A quanto pare l’Ufo danneggiato fu trasferito, in ventiquattro ore, in una struttura vicino al Reno. Alcune parti furono trasferite in un impianto vicino al confine austriaco.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





06 ARCHEOLOGIA
Nuovi manufatti sotto il tempio di Teotihuacan


Gli archeologi messicani dell’INAH hanno annunciato la scoperta di nuovi manufatti nelle camere recentemente scoperte nel tunnel sotto l’antica città di Teotihuacan. Il tunnel era stato scoperto nel 2003 sotto il famoso Tempio del Serpente Piumato, appena fuori da Città del Messico.

Nelle camere, i ricercatori hanno trovato migliaia di oggetti, tra cui statuette, palle di gomma, oggetti di giada del Guatemala e una scatola di legno contenente conchiglie. Tuttavia non sono stati scoperti corpi, sebbene gli archeologi suppongano che il sito contenga una camera funebre forse ancora sepolta sotto il suolo.

“Abbiamo trovato numerose e importanti offerte, oltre a molti oggetti, proprio prima delle camere”, dice Sergio Gomez, che dirige il progetto di scavi.
“Queste scoperte sono molto importanti, sia per la quantità sia per la qualità dei materiali rinvenuti”, scrive George Cowgill, docente all’Università dell’Arizona a Tempe, direttore del centro di ricerca a Teotihuacan. Probabilmente ci vorranno anni di analisi per comprendere veramente il significato di ogni oggetto nel loro insieme.

Teotihuacan cominciò a prosperare verso il 150 a.C. e collassò nel VII secolo d.C. In questo periodo, fu probabilmente la città più importante di tutto il Nord America, dominando anche i Maya, situati molto più a est, nell’odierno Messico del Sud e Guatemala. Gli abitanti di Teotihuacan, a differenza dei Maya, non avevano un sistema di scrittura; è per questo che sappiamo così poco di loro. Per esempio, gli archeologi dibattono sulla loro struttura politica: alcuni pensano che al vertice ci fosse un singolo governante; altri, un comando congiunto di quattro fazioni concorrenti.

Sfortunatamente, Teotihuacan non ha né immagini dei suoi re, né sepolture reali, sebbene siano stati trovati numerosi nobili di alto rango. La scoperta di una sepoltura reale sotto il Tempio del Serpente Piumato potrebbe far riscrivere tutto ciò che sappiamo della città.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE