Team HWH22 - Sezione Notizie

---- NOTA ----
Tutte le foto e gli articoli sono copyright dei rispettivi autori e sono stati ottenuti da Internet.
Sulla presente pagina, viene riportata solo la prima parte dell'articolo,
il quale presegue poi cliccando il relativo link sotto riportato.
Con questa proposta non si intende ovviamente infrangere nessun articolo di Copyright su documenti e immagini.
Nel caso deteniate i diritti sulle immagini pubblicate, riporteremo i links di ciascuna pagina,
o cancelleremo tutte le immagini riportate.

Non ci assumiamo la responsabilità sulla veridicità dei contenuti degli articoli.



Archivio anno 2016

QUESTA SETTIMANA


MEMORIE
ABDUCTION
MISTERI
ASTRONOMIA
UFOLOGIA
MISTERI
   Come informare l'acqua con i numeri di Grabovoj o con il proprio intento
   I manoscritti di Ramsberg. Un caso di abduction nella Svezia del XVIII secolo?
   Il misterioso Pozzo di Oak Island
   Il Sole "dormirà" dal 2030 al 2040
   Quanti falsi UFO... Ma il fenomeno è reale
   Il mistero della valigetta nazista e dei “teschi alieni” trovati nel Caucaso



01 MEMORIE
Come informare l'acqua con i numeri di Grabovoj o con il proprio intento


Quando l'acqua esce dalla Terra e si presenta in superficie, contiene numerose informazioni.
Ci sono delle fonti che hanno un ben preciso, e dimostrato effetto terapeutico. Tuttavia è anche bene sapere che non è sufficiente che l'acqua sgorghi fresca e pura da una sorgente per possedere effetti terapeutici.

Grazie agli studi di Masaru Emoto, famoso scienziato giapponese, sappiamo con certezza che l'acqua ha una memoria e che sa leggere le informazioni.

Ma questa peculiarità dell'acqua era nota già migliaia di anni fa.
Come ci spiega Doriana Dellepiane nel libro Magia Radionica, un tempo si usava mangiare o bere formule magiche a scopo terapeutico: la grafofagia.

Nell'antico Egitto era usanza immergere in recipienti pieni d'acqua tavolette ricoperte d'iscrizioni magiche, oppure particolari statuette rappresentanti divinità guaritrici che recavano incise formule e preghiere.

Quest'acqua consacrata era poi data da bere ai malati a scopo curativo.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





02 ABDUCTION
I manoscritti di Ramsberg. Un caso di abduction nella Svezia del XVIII secolo?


Quando si parla di casi di avvistamento UFO o di contatto con esseri extraterrestri, l’opinione generale delle masse è che questi appartengano ad una categoria di fenomeni relativamente recenti, figli del retaggio fantastico dell’epoca moderna.

In realtà, come hanno dimostrato gli studi di molti ricercatori ufologici (penso soprattutto a Jacques Vallée e alla “scuola” francese negli anni ’70-’80) sono moltissime le testimonianze, oggi storicamente documentate, di casi di contatto registrati nel corso dei secoli.

Alcuni di questi, come quello di cui si parlerà tra breve, hanno la particolarità di presentare tra l’altro incredibili somiglianze e affinità con recenti casi di “abduction” avvenuti in diverse parti del mondo, come quello di Travis Walton, il taglialegna americano scomparso a seguito di un presunto rapimento da parte di un UFO sotto gli occhi dei suoi compagni e poi ritrovato in stato di schock dopo diversi giorni, o dell’italiano Pier Fortunato Zanfretta, anch’egli testimone di ripetute esperienze di “rapimento” da parte di esseri extraterrestri.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





03 MISTERI
Il misterioso Pozzo di Oak Island


Tutto ha avuto inizio intorno al 1795, quando un giovane ragazzo di nome Daniel McGinnis si aggirò nei pressi dell’isola di Oak Island, piccola isoletta canadese della Magone Bay in Nova Scotia. Ad un certo punto trovò una depressione nel terreno e vicino ad essa un’ albero di quercia con una antica carrucola posta su di essa. Il giorno successivo, insieme ad altri due coetanei John Smith e Anthony Vaughan, tornò dove aveva trovato la depressione e cominciarono a scavare trovando a 60 centimetri uno strato di ardesia, un materiale non reperibile sull’isola.

Continuarono fino a tre metri e trovarono una pavimentazione di legno di quercia con evidenti segni di ascia. A sette metri capirono che con le loro forze non potevano continuare da soli…

Ecco come ha avuto inizio il mistero del pozzo di Oak Island, anche chiamato “Money Pit” ovvero pozzo del denaro. Molte sono le leggende e le domande che aleggiano su questa strana costruzione idraulica, da antiche civiltà come i Vichinghi, a lotte di pirati, a misteri ancora più profondi come la corona francese o i Templari e il Sacro Graal. Il ritrovamento del pozzo di Oak Island ha coinvolto associazioni di persone, grandi somme di denaro e perdite di vite umane nel corso di questi due secoli.

La storia vuole che otto anni dopo il ritrovamento dello strano luogo i tre ragazzi trovarono aiuto in un uomo di nome Simeon Lynds che venuto a sapere del pozzo fondò un consorzio dal nome Onslow Company atto a finanziare lo scavo a Oak Island.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





04 ASTRONOMIA
Il Sole "dormirà" dal 2030 al 2040


Gli scienziati: "Andiamo verso una mini-glaciazione. Fiumi e campi ghiacciati per 12 mesi l'anno"

Una nuova mini-era glaciale potrebbe essere alle porte per il pianeta Terra: tra il 2030-2040 il sole andrà a 'dormire', diminuendo la sua attività sino al 60% e facendo precipitare le temperature medie del globo terracqueo.

Gli effetti sul clima del pianeta saranno potenti: fiumi come il Tamigi di Londra - ghiacciatosi per un fenomeno simile chiamato 'Maunder Effect' tra il 1646 ed il 1715 - geleranno, campi e prati saranno coperti di neve 12 mesi l'anno, gli alberi e la vegetazione cresceranno più lentamente e la Terra si troverà immersa in una "Piccola Età del ghiaccio".

Non è fantascienza astro-climatica, le previsioni sono di un nuovo studio presentato al prestigioso "National Astromy Meeting" di Llandudno dalla professoressa Valentina Zarkhova, che sostiene di aver trovato la 'chiave' scientifica per pronosticare i cicli solari.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





05 UFOLOGIA
Quanti falsi UFO... Ma il fenomeno è reale


Intervista a François Louange, un ingegnere francese che analizza le foto e i filmati degli Oggetti Volanti Non Identificati per cercare la verità

“Le foto sono un problema e lo sono anche i video su internet, che ai giorni nostri sono diventati uno sport nazionale ovunque, per la gente che vuole divertirsi a creare dei falsi… Ed è piuttosto irritante!” Le immagini sono quelle dei tanti, troppi UFO creati ad arte che ormai popolano la rete e che complicano la vita dei ricercatori che tentano di comprendere la vera natura del fenomeno. Proprio come fa François Louange, consulente del GEIPAN, che ride a denti stretti pensando alle bufale del web.

”Il GEIPAN è un dipartimento dell’Agenzia spaziale francese dedicato alla raccolta di informazioni sugli UFO per cercare di trovare delle risposte- se possibile- rendendole poi disponibili alla comunità scientifica che intende approfondire lo studio”, mi ha spiegato quando l’ho incontrato a San Marino, nel corso dell’ultimo Simposio promosso dal Centro Ufologico Nazionale.

Louange, ingegnere nato a Versailles, esperto di informatica, per anni è stato alle dipendenze dell’ESA, l’ente spaziale europeo. Di recente, ha sviluppato Ipaco, un software specializzato nell’analisi fotografica

“Il mio lavoro consiste nel raccogliere dati dalla polizia, dalle autorità e dalle testimonianze delle persone.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE





06 MISTERI
Il mistero della valigetta nazista e dei “teschi alieni” trovati nel Caucaso


Sulla parte occidentale del Caucaso è stata rinvenuta una strana valigetta con il logo dell'Ahnenerbe, l'associazione segreta fondata da Heinrich Himmler, insieme a due enigmatici teschi che sembrerebbero non appartenere alla specie umana.

Sulle montagne del Caucaso occidentale, nella regione di Adygea, Russia, sono stati trovati due teschi appartenenti a creature sconosciute.

Come riporta l’Express, i reperti sono stati rinvenuti da un team di esploratori russi guidati dallo scienziato Vladimir Melnikv in una grotta sul monte Bolshoi Tjach.

Nonostante la scoperta risalga a due anni fa, la notizia è stata resa nota solo dopo il recente ritrovamento nei boschi adiacenti di una valigetta nazista risalente al 1941.

La misteriosa valigetta reca l’emblema dell’Ahnenerbe (Forschungsgemeinschaft Deutsches Ahnenerbe e. V.), un istituto segreto fondato da Heinrich Himmler, Herman Wirth, e Walter Darré il 1º luglio 1935. Il suo nome significa letteralmente “Società di ricerca dell’eredità ancestrale”.   »»»


L'ARTICOLO CONTINUA SU:   LINK ORIGINALE

PrimeBox CookieBar Example: acceptOnScroll